Pinguino nuota ogni anno 3000 km per stare con l’uomo che l’ha salvato 

0
8537

Pic: Wall Street Journal/youtube

Nel 2011, su un’isola vicino a Rio de Janeiro, un uomo rinvenne un pinguino morente, denutrito e con le pinne coperte di petrolio. Dopo averlo rimesso in forze pulendolo ed alimentandolo, nacque tra i due una grande amicizia.

Quando Joao Pereira de Souza (71 anni) liberò il pinguino in mare, pensava che le loro strade si fossero separate per sempre, ma si sbagliava: dopo qualche mese, l’animale tornò nello stesso identico punto dell’incontro, seguendo l’uomo fino a casa.

Il pinguino ha continuato a tornare da Joao ogni anno, stabilendosi per circa 8 mesi a casa sua e tornando sulla costa della Patagonia in Cile o in Brasile soltanto per accoppiarsi in primavera. Il Wall Street Journal ha riferito che l’animale compie ogni anno ben 3000 km di viaggio.

Amici inseparabili 

De Souza è un muratore in pensione, ed ha affermato: “Amo il pinguino come fosse un figlio, e penso che lui ami me. Non si lascia toccare da nessun altro, se ci provano inizia a beccarli. Si sistema spesso sul mio grembo, viene a lavarsi nella doccia con me ed è molto goloso di sardine.”

La scienza 

Secondo la IUCN (Unione per la conservazione della natura), il pinguino di Magellano (Spheniscus magellanicus) è classificato come una specie quasi in pericolo, anche a causa delle fuoriuscite di petrolio in Argentina, che causano la morte di circa 40.000 pinguini ogni anno, tra giovani ed adulti.

Gli animali si riproducono e vivono in Argentina, Cile, e nelle isole Falklands, ed occasionalmente migrano spingendosi fino al Brasile, anche fino a Rio de Janeiro.

Vorresti imparare a riconoscere gli uccelli italiani e europei? Ti consigliamo lo spettacolare manuale Guida agli uccelli d’Europa, Nord Africa e Vicino Oriente. Ediz. illustrata. Se lo compri su Amazon, non pagherai nulla in più e noi otterremo una piccola commissione sulla vendita, così potremo rientrare nelle spese di gestione del sito 🙂

Il pinguino JinJing (questo il nome datogli da Souza) non esibisce quindi un comportamento migratorio completamente inusuale per questa specie, eccetto per il fatto che sembra davvero aver stabilito un legame fortissimo con il suo compagno umano.

Il biologo Joao Paulo Krajewski, che ha intervistato l’uomo per Globo Tv, ha dichiarato: “Non ho mai visto niente di simile. Penso che il pinguino consideri De Souza come parte della sua famiglia e probabilmente anche un membro della sua specie. Quando vede il suo amico, l’animale muove la coda come un cane ed emette versi di felicità.”