Risolto il mistero del cemento degli antichi Romani 

0
6240

Pic: Muro Romano di 2000 anni ad Orbetello /J.P. Oleson

Usando radiografie a raggi X, una team di ricerca è riuscito a capire la composizione molecolare di un antico molo Romano, e il segreto della sua forza e resistenza.

L’antico Impero Romano raggiunse l’apice del suo splendore anche grazie alle avanzate tecniche di ingegneria, che oggi abbiamo ampiamente superato; tuttavia, il cemento dei romani è una grande eccezione: l’antico prodotto era sotto vari aspetti anche meglio di quello che usiamo oggi, e lo dimostra lo stato di conservazione delle numerose strade ed edifici, che hanno ben 2000 anni d’età (addirittura in zone sismiche).

Il muro analizzato si trova ad Orbetello, ed è stato bombardato di raggi X dalla ricercatrice Marie Jackson (University of Utah). Jackson ha dichiarato “Finalmente abbiamo identificato i vari minerali e l’elevata struttura della cristallizzazione su scala microscopica.”

Sulla rivista American Mineralogist, Jackson afferma che cristalli di un materiale detto “tobermorite di alluminio” garantivano al cemento la sua forza e resistenza; gli stessi cristalli sono stati identificati nelle eruzioni vulcaniche, e si pensava che richiedessero alte temperature per formarsi (ma evidentemente i romani poterono produrli a temperatura ambiente, secondo lo studio).

Cemento Romano 

E’ noto da tempo che il cemento romano contenesse ceneri vulcaniche (CaO) ed acqua di mare. Replicare la formula in maniera sufficientemente precisa si è rivelato tuttavia difficile; gli antichi romani identificarono la ricetta in maniera probabilmente casuale e per tentativi.

La ricetta fu tuttavia perduta con la caduta dell’impero, e studi come questo puntano a ricostruirne gli ingredienti.

Cemento Ecologico 

Il cemento odierno è prodotto con tecniche che emettono una grande quantità di gas serra, ben il 5% di tutte le emissioni umane (soprattutto perché deve essere riscaldato a grandi temperature, a differenza del cemento dei romani). Lo studio potrebbe aiutarci a produrre un cemento più ecologico, considerando la sua antica modalità di produzione.