Scoperta antica città perduta, sepolta sotto una collina in Grecia

0
5090

Gli archeologi hanno scoperto le rovine di un’antica città perduta, in cima ad un colle in Tessaglia, circa 300 km a nord di Atene.

Risalente a 2500 anni fa, l’insediamento è per la maggior parte sepolto, ed è per questo che finora i ricercatori non erano riusciti ad individuarlo.

Durante l’esplorazione delle rovine di un villaggio di nome Vlochos, nelle vicinanze del sito, gli archeologi hanno scoperto i resti di torri, mura e cancelli, appartenenti ad un’antica città. L’area fino ad ora era stata considerata territorio privo di interesse archeologico, poiché non vi era traccia di reperti che affiorassero dal terreno.

Tuttavia, un’occhiata più attenta ha permesso al team di accorgersi che si trovava addirittura sui resti di un’antica ed enorme metropoli.

“Abbiamo identificato la piazza principale, e una rete di strade indica che abbiamo a che fare con una città davvero grande. L’area all’interno delle mura misura più di 40 ettari” ha spiegato il leader del team Robin Ronnlund.

“Abbiamo inoltre rinvenuto antiche pentole e monete che aiutano a datare il sito. I ritrovamenti più antichi risalgono circa al 500 a.C., ma la città sembra essere fiorita soprattutto tra il IV ed il III secolo a.C., prima di essere abbandonata per qualche ragione, forse in relazione alla conquista dell’area da parte dei Romani.”

Al posto di scavare nel sito per riportare alla luce i resti della città, i ricercatori hanno intenzione di utilizzare dei radar, per visualizzare i reperti sotterranei senza causare danni.

“Un’area considerata a lungo irrilevante si è dimostrata essere una vera miniera d’oro archeologica. Il fatto che nessuno l’abbia esplorata prima rimane un mistero.” ha aggiunto Ronnlund.