Secondo gli scienziati, questa canzone è la più rilassante di sempre

0
7403

Il pezzo “Weightless” dell’artista Marconi Union dura 8 minuti, ed è costituito da una fantastica combinazione di armonie, ritmi e linee di basso che aiutano a rallentare il battito cardiaco, ridurre la pressione sanguigna ed abbassare il livello di stress. All’interno si sentono con chiarezza chitarre, tastiere, e campioni di paesaggi sonori naturali.

Weightless è il risultato di una ricerca dell’Accademia di Musicoterapia del Regno Unito, e del lavoro coordinato dalla fondatrice Lyz Cooper. La canzone è stata creata considerando varie teorie scientifiche di psico-acustica.

Questi elementi base sono stati messi insieme da Marconi Union per creare una traccia dall’elevato potere rilassante; il pezzo comincia a 60 battiti per minuto e gradualmente rallenta verso i 50.

Mentre ascoltiamo, il nostro battito cardiaco è costretto automaticamente ad adattarsi a quella frequenza; la canzone dura 8 minuti, poiché 5 minuti di ascolto sono considerati il minimo tempo necessario perché riesca a coinvolgerci.

I tempi tra le varie note sono in grado di creare un senso di euforia e benessere; inoltre mancano melodie ripetitive, e questo permette al cervello di rilassarsi completamente siccome l’ascoltatore non tenta di prevedere le note successive. Elemento importantissimo sono i suoni bassi, tra cui la cassa e dei sample simili ai canti dei monaci Buddhisti.

Effetti provati

In uno studio condotto su 40 donne, a cui erano stati connessi sensori per monitorare battito cardiaco, pressione sanguigna, respirazione ed attività cerebrale, la traccia ha dimostrato di essere l’11% più efficace di altri pezzi presi in esame.

Weightless è apparentemente in grado di ridurre i sintomi dell’ansia del 65%, e addirittura causa un senso di “intontimento” nell’ascoltatore (per questo non è consigliabile ascoltarla in macchina).

La musicoterapia è nota da millenni

Le terapie a base di suono sono note da migliaia di anni per la loro capacità di favorire il benessere e la salute psicologica; in molte culture, la musica è considerata il cuore delle pratiche religiose e dei rituali dei guaritori (con le ovvie limitazioni note alla medicina ufficiale).

Secondo David Hodgson (Mindlab International), che ha condotto la ricerca, la traccia è la più efficace mai studiata con importanti effetti rilassanti, e opera ad un livello estremamente profondo nel nostro cervello, come mostrato dalle tecniche di imaging cerebrale.

http://www.telegraph.co.uk/news/uknews/8830066/Band-creates-the-most-relaxing-tune-ever.html


Warning: A non-numeric value encountered in /home2/wae5xs0adbo2/public_html/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 997