Quando le scimmie scoprirono il denaro, ci fu il primo caso di prostituzione

0
22093

Si potrebbe pensare che concetti come il denaro siano relativi soltanto all’uomo, e di fatto lo differenzino dagli animali. Tuttavia, in uno studio del 2005, un economista e psicologo del comportamento animale dell’università di Yale riuscì ad insegnare il concetto di denaro a 7 cebi cappuccini, una specie di scimmia assai diffusa in America meridionale.

“Il cebo cappuccino ha un cervello relativamente piccolo, per lo più sensibile al cibo ed al sesso.” afferma Keith Chen.

“Hanno uno stomaco senza fondo. Puoi dargli da mangiare tutto il giorno, vomiteranno e torneranno a mangiare ancora.”

E’ esattamente questo comportamento che i ricercatori sfruttarono nella loro ricerca, dopo aver insegnato alle scimmie a “comprare” uva, mele e caramelle con una specie di valuta.

Chen insegnò ai cebi cappuccini che potevano scambiare dei dischi argentati con un buco al centro in cambio di frutta; l’operazione richiese diversi mesi e ripetizioni, e in seguito furono dati alle scimmie 12 dischi che potevano decidere come spendere nei vari tipi di frutta.

I primati compresero molto bene il concetto di denaro, tanto che vi furono anche tentativi di “falsificazione” quando i ricercatori gli fornirono pezzi di cetriolo circolari, che le scimmie tentarono prontamente di usare come valuta per comprare qualcosa di più gustoso.

Ci furono anche tentativi di furto: osservando la distribuzione delle monete alle altre scimmie, uno dei cebi tentò di rubare una ciotola piena di denaro e scappare, costringendo i ricercatori ad intervenire.

E c’è dell’altro, ed è probabilmente il fenomeno che più esemplifica il fatto di aver compreso il valore del denaro, che si può utilizzare per qualsiasi bene o servizio, non soltanto il cibo.

Una delle scimmie, infatti, fu osservata mentre offriva prestazioni sessuali ad un’altra scimmia in cambio di denaro, e appena terminato il rapporto si precipitò a comprare dell’uva dai ricercatori.

Lo studio dimostrò che i primati (perlomeno i cebi cappuccini) sono in grado di capire il concetto di denaro ed utilizzarlo in maniera creativa, in modo non molto differente da noi Homo sapiens.

http://www.zmescience.com/research/how-scientists-tught-monkeys-the-concept-of-money-not-long-after-the-first-prostitute-monkey-appeared/

Photo credits Harry and Rowena Kennedy flickr

New york times:


Warning: A non-numeric value encountered in /home2/wae5xs0adbo2/public_html/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 997