Gli archeologi hanno aperto quella che è ritenuta essere la tomba di Gesù Cristo

0
40980

La tomba attribuita da molti storici a Gesù Cristo è attualmente a disposizione degli studiosi per processi di restauro.

La ragione principale di questo lavoro è assicurarsi che l’Edicola (il santuario all’interno della chiesa di Gerusalemme parte del Santo Sepolcro) rimanga strutturalmente intatta per i posteri.

Inoltre, gli archeologi hanno avuto circa 60 ore di tempo per esaminare la tomba, comprese parti di essa che non erano state aperte da quasi un millennio. In un articolo, National Geographic riporta che il team di archeologi di Atene ha rinvenuto una serie di reperti che hanno fatto sorgere più domande che risposte.

E’ noto da tempo che la tomba contenga una lastra di calcare risalente al 30 d.C., sulla quale si crede Gesù Cristo sia stato adagiato dopo la sua crocifissione. La chiesa fu costruita intorno a questo sito intorno al 4° secolo d.C., ed esso venne ricoperto di ulteriori lastre di marmo nel 16° Sec.

Il team di ricercatori ha rimosso le lastre con cautela, per la prima volta in centinaia di anni. Al di sotto delle lastre è stato rinvenuto un secondo strato con l’incisione di una croce, risalente al tempo delle Crociate. Pensando che non si trattasse della lastra originale, il team ha continuato a lavorare all’apertura del sito.

Poche ore prima che terminasse il tempo a loro disposizione, pare che siano riusciti a rinvenire lo strato di calcare originale, l’antico letto di morte nel cuore del Santo Sepolcro.

“E’ assolutamente fantastico. Mi tremano le ginocchia per la scoperta, poichè non ce lo aspettavamo davvero” ha affermato Fredrik Hiebert, archeologo in contatto con National Geographic. “Non possiamo confermare al 100%, ma questa sembra essere la prova che la posizione della tomba non sia cambiata nel tempo, ed è qualcosa su cui gli storici si sono interrogati a lungo”.

E’ davvero la tomba di Gesù?

Vi sono più di un migliaio di tombe di pietra dentro ed intorno a Gerusalemme; tuttavia, la maggior parte dei documenti associati a questo sito (religiosi e non) sembrano indicare che questa fosse realmente la tomba di Gesù di Nazareth.

E’ da precisare tuttavia che si tratta ancora di ipotesi che non si possono confermare con certezza, anche perché non vi è nemmeno la certezza che la figura di Gesù sia realmente esistita.

Il sito, inoltre, ha avuto un passato caotico. Molti strati di costruzione si sono susseguiti, e molti sono stati distrutti.

Può essere che i dati del vero proprietario della tomba si siano persi nella storia, e che gli archeologi si sbaglino. Ma esiste anche la possibilità che abbiano ragione.

http://news.nationalgeographic.com/2016/10/jesus-christ-tomb-burial-church-holy-sepulchre/