Un team di ricerca vuole creare alberi bioluminescenti, che un giorno potrebbero illuminare le nostre strade senza energia elettrica

0
809

Il designer olandese Daan Roosegaarde ha intenzione di creare alberi bioluminescenti, capaci di emettere luce propria senza l’utilizzo di energia elettrica e in modo completamente ecologico.

Il team di Daan ha intenzione di incorporare nel genoma degli alberi i geni di meduse e batteri bioluminescenti, e di utilizzare questi alberi per illuminare un giorno le nostre strade.

I primi esperimenti sulle piante bioluminescenti risalgono addirittura agli anni ’80, quando dei ricercatori riuscirono a inserire un gene di lucciola all’interno di una pianta di tabacco. La pianta in questo modo sviluppava l’enzima luciferasi, che in coppia con un’altra sostanza chimica (luciferina) permetteva alla pianta di illuminarsi.

Era soltanto l’inizio: nel 2010, un altro gruppo di ricerca creò un’altra pianta di tabacco luminescente, questa volta utilizzando dei geni provenienti da batteri marini luminosi. Il team era guidato dal biologo molecolare Alexander Krichevsky, e battezzò la sua creazione “Starlight Avatar”.

In altri studi successivi, Krichevsky è stato capace di aumentare ulteriormente la luminosità della pianta; le sue piante sono state già in vendita per un periodo sul sito bioglowtech.com al prezzo di 300 $ a pianta.

Numerose compagnie sono attualmente al lavoro verso la creazione di piante e alberi sempre più luminosi, e le raccolte fondi sono aperte su Kickstarter e altre piattaforme.

Il team di “The Glowing Plant” ha sorpassato l’iniziale obiettivo di 65.000 $ in poche settimane, raggiungendo in fretta 500.000 $ di fondi.

Alcuni mettono in dubbio il progetto delle piante bioluminescenti; il biologo molecolare Drew Endy, per esempio, si chiede quanta luce le piante saranno effettivamente capaci di emettere, visto che il processo di assorbire energia dal Sole e convertirla in seguito in luce ha delle limitazioni.  “Oltre alla genetica, bisogna valutare le leggi fisiche coinvolte, per capire quanto possa essere conveniente”

Il progetto Glowing Plant, guidato dall’imprenditore Antony Evans, è intenzionato a creare esemplari della pianta Arabidopsis thaliana capaci di emettere una luce blu/verde, grazie all’inserimento di geni provenienti dalle lucciole.

E le problematiche etiche? Dopo tutto si tratta di OGM. Saranno sicuri?

Il dipartimento dell’agricoltura degli USA, e in particolare il suo organo di “Controllo sulla sicurezza di piante e animali” (APHIS) ha dichiarato che il progetto non sembra presentare rischi e ha dato il via libera ai ricercatori dal punto di vista legale.

http://www.iflscience.com/plants-and-animals/bioluminscent-trees-could-light-our-streets/

http://www.nature.com/news/glowing-plants-spark-debate-1.13131

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here