Ipertimesia: ecco come alcune persone ricordano alla perfezione ogni giorno della loro vita

0
12822
Gli individui affetti da ipertimesia (25 i casi registrati al 2013 in tutto il mondo) ricordano alla perfezione anche i dettagli più insignificanti della loro esistenza.
 
Nel 2006 il neurobiologo James McGaugh documentò uno dei casi più celebri di questa sindrome, su una donna californiana (Jill Price).
 
Jill Price ricorda ogni giorno della sua vita alla perfezione dall’età di 14 anni.
 
“Dal 5 febbraio 1980, ricordo ogni cosa. Era un martedì.” afferma Jill.
 
Il cervello di Jill Price presenta caratteristiche uniche; sia il lobo temporale che il nucleo caudato sono più grandi del normale.
 
L’ippocampo e la corteccia temporale, zone del cervello rispettivamente deputate a decodificare e conservare la memoria dichiarativa (fatti ed eventi), occupano maggior spazio nel cervello di Jill.
 
Un grande vantaggio possedere una memoria del genere, direte voi.
 
In realtà, la condizione presenta molti svantaggi: Jill Price riporta come la sua memoria sia strettamente autobiografica, e naturalmente selettiva.
 
Jill ha totalizzato dei punteggi bassi nei normali test mnemonici; a scuola, era una normale studentessa, incapace di applicare la sua straordinaria capacità alle materie scolastiche.
 
In parole povere, Jill ricorda con facilità soltanto gli eventi che la riguardano direttamente.
 
Si tratta di una memoria personale ed episodica, profondamente diversa da quella derivante da tecniche mnemoniche apprese, utilizzata per esempio dai campioni delle gare di memoria (vi sono persone in grado di ricordare 42.000 numeri in serie, per esempio le cifre dopo la virgola del pigreco).

Warning: A non-numeric value encountered in /home2/wae5xs0adbo2/public_html/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 997