Iniezioni di una speciale proteina potrebbero curare l’Alzheimer. Nei topi hanno fatto scomparire i sintomi del declino cognitivo in 1 settimana

0
586

Alcuni ricercatori hanno scoperto che iniezioni di una proteina detta IL-33 possono far scomparire sintomi simili all’Alzheimer, e di declino cognitivo.

Per ora la sperimentazione è avvenuta sui topi con grande successo: in una sola settimana, iniezioni quotidiane della proteina sono bastate a far scomparire i sintomi del declino cognitivo nei roditori.

La proteina sembra far scomparire e combattere la formazione di placche amiloidi, accumuli tossici di proteina amiloide che causano la malattia di Alzheimer.

IL-33 è una proteina che è già naturalmente presente nel sistema nervoso, e evidentemente aumentarne la concentrazione è un’ottima mossa per combattere il declino cognitivo.

Tuttavia è presto per cantare vittoria: lo studio si è svolto con successo soltanto nei topi, e secondo alcuni esiste soltanto l’8% di possibilità che la cura possa funzionare negli esseri umani.

Lo studio ci aiuta però a far luce sulle modalità di pulizia delle placche amiloidi: sembra che IL-33 diriga alcune cellule del sistema immunitario (microglia) verso le placche, che vengono assorbite grazie all’uso di un enzima.

Secondo un team di ricerca dell’università di Glasgow: “Capire come distruggere le placche amiloidi è la chiave per sconfiggere la malattia. Lo studio è in ogni caso un passo verso questa direzione”

E quando si parla di una malattia come l’Alzheimer, che colpirà circa 65 milioni di persone nel 2030, queste sono davvero grandi notizie.

http://www.sciencealert.com/new-protein-injection-reverses-…